LA RIABILITAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO

Rispondiamo alle vostre domande più frequenti…

 

DI COSA SI TRATTA?

La riabilitazione del pavimento pelvico, chiamata anche riabilitazione perineale, è un insieme di tecniche non invasive che hanno lo scopo di migliorare la forza, la contrattilità, la resistenza dei muscoli del pavimento pelvico mirate a favorire la continenza, un corretto svuotamento della vescica e del retto, migliorare la qualità della vita sessuale e ridurre il dolore causato da un’eccessiva contrazione di questi muscoli. 

È utile sia a scopo terapeutico, come nei casi di incontinenza urinaria/fecale o nella sindrome del dolore pelvico, sia a scopo preventivo per coloro che vogliono mantenere un adeguato tono muscolare dei muscoli pelvici che spesso, con l’avanzare dell’età, va diminuendo.

 

A CHI E’ RIVOLTA?

  • Donne e uomini che soffrono di dolore pelvico
  • Donne nelle fasi di Pre e post parto
  • In menopausa
  • Uomini sottoposti a rimozione chirurgica della prostata

 

QUANDO E’ UTILE FARLA?

  • Incontinenza urinaria da sforzo nella donna
  • Incontinenza urinaria da urgenza nella donna
  • Incontinenza urinaria maschile dopo intervento chirurgico di rimozione della prostata, con l’obiettivo di sopperire con il perineo alla lesione dello sfintere involontario
  • Ritenzione urinaria, con l’obiettivo di ottenere corretti svuotamenti vescicali
  • Incontinenza fecale e ipotonia anale
  • Prolassi vescicali, uterini e rettali di grado lieve con l’obiettivo di rinforzare il sistema di sostegno
  • In preparazione e dopo interventi di chirurgia pelvica per garantire un sistema di sostegno tonificato
  • Dolore pelvico associato ad alterazione della vita sessuale
  • In preparazione al parto per mantenere una adeguata elasticità della muscolatura e nel periodo del post-parto con l’obiettivo di ripristinare una meccanica perineale funzionale e preventiva

 

COME SI SVILUPPA?

Come per tutte le branche della fisioterapia, anche questa riabilitazione si esplica in tre fasi fondamentali:

  1. Presa di coscienza della muscolatura da riabilitare
  2. Potenziamento o rilassamento di questa muscolatura
  3. Attivazione e corretto utilizzo della muscolatura nella vita di tutti i giorni (fase di automatizzazione)

 

QUALI STRUMENTI SI UTILIZZANO?

  • La riabilitazione perineale si avvale di alcune tecniche di biofeedback, punto di partenza di questa fisioterapia, indispensabili per garantire una corretta presa di coscienza dei muscoli pelvici assieme ad una adeguata tecnica di respirazione.
  • Chinesiterapia pelvi perineale ovvero l’esecuzione di alcuni esercizi di contrazione e di rilassamento che vengono insegnati al paziente e che dovrà replicare in modo attivo e autonomo anche in ambiente domestico
  • Elettrostimolazione funzionale indicata in tutti quei casi in cui il paziente non è in grado di contrarre la muscolatura pelvica in modo adeguato ed efficace. Prevede l’utilizzo di una sonda vaginale o anale per rinforzare in modo mirato questi muscoli.
  • Tecniche di rilassamento muscolare, stretching e massaggi utili in tutti quei casi di ipertono del pavimento pelvico e contratture

 

PERCHE’ FARLA?

  • Successo documentato nell’80-95% dei casi
  • Indolore
  • Ripetibile
  • Personalizzata

 

Se pensi di avere uno o più di questi disturbi, chiama per una valutazione la segreteria di Physiotery allo 0585-40672 e chiedi della                                              Riabilitazione del Pavimento Pelvico