Prima di affrontare l’argomento facciamo un po’ di chiarezza su quel mal di schiena che spesso ci porta a pensare a chi sa quali malattie gravi noi possiamo essere affetti!

Il mal di schiena si divide in:

  • Specifico (15% dei casi)
  • Aspecifico (85%)

Mal di schiena specifico vuol dire che è “specifico” di un problema, ovvero

  • Fratture (4%)
  • Tumori (1%)
  • Problematiche viscerali (4%)
  • Altre cause (7%) come spondilite anchilosante, artrite reumatoide, stenosi del canale midollare, aneurisma dell’aorta addominale, sindrome della cauda equina
  • Ernia del disco (1-3%)

Avete LETTO BENE… l’ernia del disco è responsabile del vostro dolore nel 1 – 3% dei casi.. quindi basta parlare sempre di ERNIA…. PERCHE?…causa MOLTO RARAMENTE mal di schiena!

 

Anche se il dolore improvviso a livello della parte lombare della schiena può sembrare atroce, spesso pensiamo possa essere molto più grave di quello che sembra. Circa l’80% delle persone vivono un’esperienza simile di dolore nell’arco della vita, e nella maggior parte dei casi questi episodi si risolvono spontaneamente senza dover necessariamente fare ricorso all’assunzione di farmaci.

Questo scenario è abbastanza tipico: ma lo sapevi che la maggior parte degli attacchi di mal di schiena si risolvono spontaneamente nell’arco di 12 settimane?

Per alcuni pazienti, tuttavia,  il dolore diventa cronico compromettendo seriamente la vita lavorativa e domestica.

Per la maggior parte dei pazienti, il trattamento consiste nell’educarli a gestire il loro dolore fino a quando non cessa.

COSA STA ACCADENDO?

Nel corso degli anni i medici prescrivevano il riposo a letto, l’utilizzo di farmaci ed in casi estremi la chirurgia. Ma lo sapevi che complessivamente questi trattamenti si trasformavano in ingenti costi sanitari? Lo sai che gli Stati Uniti spendono di più per la gestione del dolore lombare e cervicale rispetto a quasi tutte le altre patologie, ad eccezione del diabete e delle malattie cardiache. – superando gli 87 miliardi di dollari nel 2013, secondo un analisi dei costi sanitari condotti nell’anno precedente?

I ricercatori hanno messo in discussione tutto questo scenario ed oggi la comunità medica sta sempre più considerando una soluzione molto più semplice.  Le prove di efficacia suggeriscono come l’esercizio sia il miglior rimedio, in gradi di ridurre il dolore, migliorare la mobilità articolare e prevenire futuri attacchi.

La corrente di pensiero su come gestire gli attacchi di mal di schiena si è spostata più volte nell’ultimo decennio.

TI DICONO CHE IN CASO DI MAL DI SCHIENA DEVI RESTARE A LETTO?

Per esempio, noi fisioterapisti sospettavamo che un eccessivo riposo a letto potesse effettivamente produrre qualche beneficio utile: una serie di studi condotti dal 1980 al 1990 ha, infatti,  rivelato che il riposo a letto veniva considerato un trattamento inadeguato per favorire la risoluzione di un quadro doloroso, rallentando la ripresa.

E LA CHIRURGIA PUO’ TOGLIERTI IL DOLORE?

I medici hanno poi valutato le varie opzioni chirurgiche, e come queste potessero correggere eventuali danni a livello della parte lombare, capendo, alla fine, che  il dolore derivava da tutt’altro.  Ricordiamoci sempre: i miglior candidati alla chirurgia sono quei pazienti che presentano un quadro specifico ( si parla infatti di lombalgia specifica) ed identificabile con una patologia specifica, come tumore od infezione.

LO SAPEVI CHE NEL 90% DEI CASI IL DOLORE NON È DATA DA UNA PATOLOGIA SPECIFICA E NON È RINTRACCIABILE?

Danni ai muscoli, legamenti, ossa, nervi ed alle ossa  – od una combinazioni di questi – possono tutti dare dolore al paziente, e le sensazioni doloroso sono uniche per ogni paziente:

Tu stesso, se soffri di mal di schiena da molti mesi o anni, ti sarai probabilmente accorto che il dolore va e viene, per cui è evidente che non può essere correlato solo al danno strutturale. In effetti quello che sappiamo oggi è che il dolore ha più a che fare con la sensibilizzazione della schiena, che a un suo danno strutturale. Ciò significa che il tuo corpo in realtà è robusto, ma è solo diventato più sensibile del normale, per cui senti dolore anche per movimenti o posture che solitamente non ti farebbero nulla.

Per farla breve, è davvero difficile riconoscere la reale fonte del dolore e di conseguenza è davvero difficile capire come intervenire chirurgicamente per togliere il dolore al paziente: LA CHIRURGIA IN QUESTI CASI NON E’ CONSIGLIATA.

QUINDI DEVI ASSUMERE I FARMACI?

Alla luce della limitata efficacia di questi interventi chirurgici, i medici hanno quindi affrontato il mal di schiena cronico attraverso l’assunzione di farmaci. Sappiamo che gli anti infiammatori sono in grado infatti di ridurre la trasmissione degli impulsi dolorosi a livello periferico, agendo anche a livello dei tessuti danneggiati attraverso l’inibizione degli enzimi che stimolano i recettori del dolore. Ma anche qui, chi soffre di mal di schiena, dovrebbe andarci cauto. In tre distinte analisi  pubblicate dal 2015 al 2017, i ricercatori della University of Dydney hanno comparato le prove di efficacia di dozzine di studi per determinare quanto le varie opzioni farmacologiche possano essere in grado di alleviare il dolore alla schiena.  Il paracetamolo, per esempio, sembra essere meno efficace rispetto al placebo.

I risultati – sottolineano i ricercatori – forniscono la prima prova della reale efficacia del paracetamolo per il dolore lombo-sacrale acuto. Né l’assunzione regolare del farmaco, né la sua somministrazione al bisogno hanno migliorato infatti il tempo di recupero, l’intensità del dolore, i sintomi, le funzioni motorie, la qualità del sonno o di vita nei tre mesi in cui i pazienti sono stati seguiti”.

Altri farmaci sono in grado di produrre qualche forma di sollievo, ma con reali aumenti dei costi, specie se utilizzati per lunghi periodi.

Ricordiamo che alcuni farmaci antinfiammatori non steroidei da banco, come l’ibuprofene, possono causare ulcere gastriche e sanguinamenti gastrointestinali. Gli oppioidi da prescrizione, oltretutto, possono creare dipendenza o addirittura a overdose.

“questi farmaci possono essere sì un valido alleato, ma non dovrebbero essere considerati come trattamento di prima scelta”, dice la ricercatrice del mal di schiena Manuela Ferreira, una degli scienziati di Sydney che ha lavorato allo studio sugli anti-infiammatorio e sul paracetamolo.

Il fatto che gli oppioidi siano i farmaci maggiormente più prescritti per la cura del mal di schiena ha spinto la comunità medica a trovare soluzioni alternative.

A tal proposito, lo scorso febbraio l’American College of Physicians ha pubblicato le nuove linee guida sul trattamento non invasivo del mal di schiena.

Il messaggio principale era che il trattamento farmacologico, di oppioidi in particolare, dovrebbe essere il trattamento di ultima istanza. Al loro posto, gli autori suggeriscono l’applicazione di calore superficiale come metodo per alleviare il dolore acuto di mal di schiena. Sono state inoltre trovate evidenze importanti sull’utilizzo di tecniche manipolative e di terapia manuale ortopedica per la gestione della sintomatologia dolorosa.

Per il dolore cronico si raccomandano gli esercizi, terapia riabilitativa e lo yoga, come tanti altri approcci basati sempre sull’esercizio.

In effetti, gli autori trovano l’esercizio come il principale approccio studiato per la gestione conservativo del mal di schiena cronico. Spesso, un programma di esercizio, progettato da un fisioterapista altamente qualificato, incorpora sia un allenamento cardio vascolare e sia un programma per lo sviluppo della forza.

I ricercatori non dovrebbero essere sorpresi dal fatto che il movimento sia parte fondamentale della gestione del mal di schiena. I muscoli hanno bisogno di lavorare, di essere allenati, per continuare a sostenere il corpo in maniera efficace.

Nel 2016, un altro gruppo di ricercatori australiani ha passato in rassegna la letteratura disponibile ed ha trovato che l’esercizio era l’unico trattamento studiato che potesse produrre sia benefici nel dolore del mal di schiena e sia nella prevenzione di nuovi attacchi. Rivisitando le prove, il team ha concluso che sia l’esercizio e sia l’educazione del paziente possano ridurre il rischio di nuovi attacchi di mal di schiena di circa la metà in un anno.

L’esercizio rafforza il corpo e la schiena, ed insegna al paziente con dolore come utilizzare una corretta postura e a sollevare carichi pesanti. Offre anche benefici psicologici.

La sola idea di provare dolore è terrificante per la maggio parte degli individui: insegnare ai pazienti come affrontare questa paura ed a continuare a muoversi è parte integrante del processo di guarigione, come sottolineato dalla Prof.ssa Ferreira.

In Luglio, un team della Boston Medical Center ha pubblicato i risultati di uno studio eseguito su 320 pazienti che soffrivano di mal di schiena cronico a cui erano stati assegnati esercizi di Yoga, terapia fisioterapica ed un invito a leggere materiale informativo sulla gestione del loro problema. La fisioterapia, eseguita faccia a faccia con il fisioterapista, includeva anche esercizi di attività aerobica ed un programma di esercizi da effettuare a casa. Dopo tre mesi, il gruppo che ha praticato la fisioterapia e lo yoga era meno propenso all’assunzione di farmaci per affrontare il loro mal di schiena rispetto al gruppo a cui era stato semplicemente assegnato del materiale informativo. Complessivamente, il team ha trovato che lo yoga era tanto efficace quanto la terapia fisioterapica, entrambi riducono il dolore e migliora la mobilità.

Un importante avvertimento: nessuna soluzione per la gestione del mal di schiena è efficace per tutti. La maggior parte dei trattamenti studiati può aiutare diverse persone, ma possono risultare inutili e fallimentari per altre persone.

Questa conclusione può risultare scoraggiante , ma in pratica, significa che molti individui dovranno provare diverse opzioni terapeutiche prima di trovare quella giusta. Come soluzione, l’esercizio esalta molti fisioterapisti perché è in grado di produrre sollievo e migliorare la mobilità, con pochi o nulli effetti collaterali ed a costi relativamente bassi, il tutto mentre migliora la qualità della vita.

IMPORTANTE: per quanto riguarda la forma dell’esercizio da provare per prima, non ci sono sufficienti confronti testa a testa tali da permettere di avere un vincitore, né vi è un consenso sul fatto che una specifica forma di esercizio sia più specifica di altre. La zona lombare è così centrale, così importante, che anche l’aggiunta di una  sola passeggiata giornaliera al parco può produrre importanti effetti positivi.

Chris Maher, autore degli studi sull’effetto dei farmaci e dell’esercizio fisico, sostiene che la scelta del tipo di esercizio da eseguire sia meno importante per la gestione del mal di schiena rispetto a quella semplice attività che possa piacere e che possa portare avanti nel tempo.

QUALE ESERCIZIO SCEGLIERE DUNQUE?: Il miglior esercizio è quello che ti piace fare e che ti impegna a lungo termine